L'Arcadia

Logo Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna

INIZIO

Mappa del sito

Appuntamenti
Pubblicazioni
Vincastro
Archivio
Bibliografia

 

La perdita dell'indipendenza nazionale nella tragedia del primo trentennio del Cinquecento portò un abbassamento del tono vitale italiano con la conseguente dissociazione fra i diversi elementi della vita nazionale. Uno di questi elementi, la cultura, risentì maggiormente di questa povertà della vita pubblica in una nazione priva della libertà e della sua unità, riducendosi a pura erudizione personale o a capriccio di virtuosi.
Il culto quasi idolatrico nelle lettere, della forma e della retorica ciceroniana, determinò, nel sempre crescente gusto italiano per le adunanze e congreghe erudite, una spiccata tendenza per il facile, il superficiale, il vacuo, che divennero ben presto caratteristica delle numerose associazioni accademiche.
Brigate di buontemponi e di chiacchieroni con titoli o appellativi in apparenza bislacchi e burleschi, ma spesso scelti con socratica ironia, come gli Umidi, i Rozzi, gli Apatisti, gli Umoristi, fiorirono ben presto in tutte le regioni e in tutti gli Stati d'Italia, con una produzione quasi esclusivamente poetica e versificatrice.
Se qualche merito si vuol ricercare in esse si può solo nell'uso della lingua italiana, che lentamente si affermò anche nei dotti a unico superstite collegamento nazionale fra gli italiani politicamente divisi e quasi stremati fra loro.

 

Il secolo XVII vide questi vacui consessi letterari infittirsi e diffondersi non solo nelle grandi città, ma anche nei centri minori, con i loro pretenziosi, eruditi e poetici passatempi; ma poté anche ammirare, fra questa flora sterile, il sorgere di frutti schietti e saldi, che dovevano crescere vigorosi e ricchi di linfe vitali: le accademie letterarie della Crusca e dell'Arcadia, e quelle scientifiche dei Lincei e del Cimento. Fu l'Arcadia, sorta verso la fine del XVII secolo, a sgonfiare le vacue poetiche esistenti, esprimendosi in forme semplici, sincere e naturali, abbandonando la ricerca ampollosa dello strano e del nuovo a ogni costo.
Da Roma si trapiantò e si diramò per quasi tutta l'Italia in cento « colonie » e « campagne », dando inizio alla formazione di quelle unità dei gusti e degli intenti che mantennero vivi nelle coscienze il ricordo e il travaglio dell'unità spirituale, etnica e nazionale.

 

 

 

 

Segreteria-Rag. Giuseppe Mercatali: 

Cell. 347.6485722 - Tel. 0546.941227 - Fax: 0546.940285

mercatali@confartigianato.fo.it

accademiaincamminati@libero.it

Copyright Accademia degli Incamminati - Tutti i diritti riservati